“C’era una volta un libro”: una favola per tutti i booklover

SUL LIBRO

Come con "Le Città invisibili" di Italo Calvino, due sudditi tornano da un sovrano dopo un lungo viaggio per raccontare i libri più incredibili che hanno visto: micro racconti che sono più che altro affreschi fantasiosi, fotografie, a volte anche un po' nonsense, sicuramente surreali

Tempo di lettura: 2 minuti

Sotto l’albero di Natale quest’anno ho trovato “C’era una volta un libro” di Naoki Matayoshi e Shinsuke Yoshitake (Mondadori, 2023, tradotto da Gala Maria Follaco): un volume tenero, che mi ha regalato Simone, adatto a chi come me piacciono molto i libri che parlano di altri libri. L’ho finito in poche ore, un vero gioiellino da tenere sullo scaffale.

La trama, in breve

Il libro racconta la storia di un re molto anziano, amante dei libri, che sta lentamente diventando cieco. Allora, rendendosi conto di non riuscire più a leggere, invia due sudditi ai confini del mondo per trovare i libri più rari di cui parlare al ritorno. I due cittadini tornano dopo un anno, con incredibili storie da raccontare: hanno trovato il libro che mangia i segnalibri, quello che nessuno riesce a leggere perché va troppo veloce, quello che è ricercato dalla polizia, quello che se ne sta logoro in una libreria dell’usato ma è felice perché ha accompagnato la vita del suo padrone, e tanti altri. Con un finale assolutamente a sorpresa!

Gli autori sono Naoki Matayoshi, scrittore, sceneggiatore e comico giapponese e Shinsuke Yoshitake, uno dei più famosi illustratori giapponesi.

Ecco tre buoni motivi per leggere questo libro.

1. “Le città invisibili” del libro

Leggendolo mi è venuto in mente un altro libro di un autore molto amato dai giapponesi: l’italianissimo Italo Calvino, con le sue “Città invisibili“. Anche in questo caso c’è qualcuno che, reduce da un viaggio, racconta a un sovrano quello che ha visto. Non c’è Marco Polo bensì due sudditi che tornano descrivendo i libri più incredibili che hanno trovato nel loro girovagare: affreschi fantasiosi, fotografie a volte anche un po’ nonsense, sicuramente surreali. A volte la morale del racconto è chiara, a volte è aperta a molteplici interpretazioni. A volte non è neanche detto che ci sia, una morale.

2. Tenerezza giapponese

Come ho avuto modo di scrivere di recente, parte della letteratura giapponese si contraddistingue per un modo tenero, a volte quasi un po’ naif, di raccontare le cose. Soprattutto la parte che contiene il racconto più lungo – quello di un bambino che, vincendo la diffidenza iniziale, fa amicizia con una nuova compagna di classe più brava di lui ma che nasconde un segreto – è struggente e, come spesso succede in Giappone, lascia il finale molto aperto.

3. La grafica

Il libro è confezionato molto bene e fa parte di quegli esempi che ho già citato – come “Trovati un lavoro e poi fai lo scrittore” – che non contano solo sulle illustrazioni di Yoshitake, ma anche su un’impaginazione diversa dal solito. Si gioca con il tipo di pagina (a volte sembra un quaderno a righe per aumentare l’interlinea, a volte la carta è appositamente ingiallita, con il testo a volte fitto e a volte molto intervallato dalle illustrazioni, a volte prosa e a volte poesia) anche per dare un ritmo diverso di lettura, rendere l’esperienza più coinvolgente e piacevole anche alla vista, e sicuramente anche per dare ai lettori un motivo per tornare alla carta e non scegliere, almeno in questo caso, l’e-book.

I sentieri del caso...

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto...

Roald Dahl e l’intelligenza...

Avete presente quei libri che avete in casa da...

La solitudine dei fan...

La casa editrice e/o ha portato in Italia il...

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

Arriva la nostra rassegna estiva “Libri in piazzetta”

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate: si chiama "Libri in piazzetta" e sono sei appuntamenti con autrici e autori nella splendida...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “feel good” che ci fanno stare bene

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...
Come con "Le Città invisibili" di Italo Calvino, due sudditi tornano da un sovrano dopo un lungo viaggio per raccontare i libri più incredibili che hanno visto: micro racconti che sono più che altro affreschi fantasiosi, fotografie, a volte anche un po' nonsense, sicuramente surreali"C'era una volta un libro": una favola per tutti i booklover