Tre buoni motivi per leggere “Dieci piccoli infami” di Selvaggia Lucarelli

Tempo di lettura: 1 minuto

3 out of 5 stars (3 / 5) Un libro divertente, anche se la “voglia di vendetta” la lascio volentieri ad altri.


Non nego che l’idea di “Dieci piccoli infami” di Selvaggia Lucarelli (Rizzoli, 2017), ovvero raccontare dieci sciagurati incontri che l’hanno resa una persona peggiore, non mi ha convinta tanto: abitiamo già un mondo pieno di persone che si insultano, di eroi da tastiera pronti a rinfacciarsi anche i calzini sporchi di 10 anni fa, perché aggiungere acredine all’acredine raccontando della migliore amica delle elementari che a un certo punto – come accade SEMPRE da piccoli – ha iniziato a frequentare un’altra bambina? Perché questo desiderio di “vendicarsi” così (tra l’altro da parte di una persona che ha sempre, giustamente, lottato contro gli “sputtanamenti” del web)? Se non avessi saputo che la narrazione è dominata al 90% da considerazioni ironiche, sarei stata tentata dal dire: «Sono passati un po’ di anni, elabora il lutto e volta pagina».

Ecco tre buoni motivi per leggere questo libro che comunque, purtroppo, secondo me ha un po’ perso la verve del geniale “Che ci importa del mondo“:

1 Perché per fortuna, come ho detto prima, non sono solo dieci “microvendette”: diciamo che sono dieci pretesti per raccontare aneddoti divertenti della propria vita, con l’ironia (e l’autoironia) che Selvaggia Lucarelli sa usare molto bene.

2 Perché è molto breve e scorrevole, un piacevole intermezzo leggero e divertente.

3 Perché in fondo racconta dieci episodi che sono capitati a tutti, ma con ironia e con quel sarcasmo tagliente che la contraddistingue, e che fa tanto ridere perché, in fondo, quando ci sono capitati abbiamo pensato le stesse cose.

ANTEPRIMA | “Akira Toriyama”...

Cosa succede nel momento in cui da bruchi si...

La lunga estate gialla:...

L'estate non è solo tempo di ferie e relax:...

“Al mare non importa”...

Gli amanti dei libri che frequentano i social avranno...

Le folli estati del...

La Ragione di Stato è un collettivo nato nel 2018...

“I vagamondi” di Claudio...

Da pochi giorni si sta svolgendo la centodecima edizione...

Festival di Sanremo 2023:...

C'erano una volta i libri sui cantanti: chi di...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Blackwater” di Michael McDowell: il misterioso fascino di una saga di culto

Non è semplice scrivere di una serie letteraria su cui ormai si è versato molto inchiostro. Di certo i sei volumi che compongono la...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...