Tre buoni motivi per leggere la saga di Bridget Jones

Tempo di lettura: 1 minuto

3 out of 5 stars (3 / 5) Una simpatica saga all’insegna del buonumore


Andiamo, alzi la mano chi non ha mai visto i film di Bridget Jones. Almeno il primo. Quando è uscito al cinema “Il diario di Bridget Jones” avevo 14 anni, ed ero morta dal ridere, anche se non comprendevo bene le dinamiche dei single 30enni.

Adesso ho 30 anni, e quasi per caso ho riscoperto i libri di Helen Fielding (“Il diario di Bridget Jones”, “Che pasticcio Bridget Jones”, “Bridget Jones’s Baby” e “Bridget Jones: un amore di ragazzo”). Carini, soprattutto il primo, poi la carica di simpatia va scemando un po’, come succede con tutte le saghe fortunate che, proprio godendo dell’inizio fortunato, “devono” trovare un modo per tirare avanti. Ecco perché vale la pena comunque leggerli:

1 Perché avendo raggiunto anche io i 30 anni mi sento molto vicina ai protagonisti, alle loro surreali (mica poi tanto) esperienze, alla giungla del mondo del lavoro, ai genitori e ai loro casini. Insomma alcune costanti non cambiano mai. Nemmeno se si pensa che il primo libro risale al 1995.

2 Perché Bridget Jones fornisce alcune indicazioni molto belle su come affrontare la vita: con ironia e autoironia, spontaneità e buonumore, senza maschere e senza prendersi mai troppo sul serio, scherzando sui propri difetti e trasformandoli un punto di forza.

3Questo è un motivo del tutto personale: perché anche lei si ritrova a lavorare nel mondo dei media, un po’ come me, e ho riso tantissimo leggendo degli strambi personaggi che ruotano intorno a questo strampalato universo. Chi conosce questo mondo, sa che non è nulla di più della semplice realtà.

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

“La mia vita in...

I miei primi ricordi della celebre astrofisica Margherita Hack...

“Il ragazzo” di Annie...

Attirata dai racconti e dai romanzi brevi, ho acquistato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...