Tre buoni motivi per leggere “Notre-Dame de Paris” di Victor Hugo

Tempo di lettura: 1 minuto

5 out of 5 stars (5 / 5) Un capolavoro immortale


Sembra incredibile pensare che un capolavoro come “Notre-Dame de Paris”, da cui sono stati tratti film, musical, balletti e spettacoli di vario genere, sia stato pubblicato nel 1831 da un Victor Hugo appena 29enne.

La trama di “Notre-Dame de Paris” la conosciamo tutti: è una storia ambientata nella Parigi del 1482, che intreccia le vicende del campanaro gobbo Quasimodo, deforme ma buono, forse uno dei personaggi più belli della letteratura, della ballerina gitana Esmeralda, dell’affascinante capitano Febo di Chateaupers, del poeta Pierre Gringoire con la sua capretta, e del prete Frollo, che (scandalo!) si innamora della bella zingara, dannando la propria anima.

Ecco tre buoni motivi per leggerlo:

1 Nonostante alcuni fatti tragici che segnarono la sua vita (come la morte precoce di tre figli e l’internamento della quarta), Hugo seppe discostarsi dai toni malinconici – quando non decisamente tristi, tristissimi! – dei letterati del tempo. Semplicemente, accettò le esperienze che la vita gli proponeva, e nei suoi libri traspare comunque una certa fiducia nell’animo umano e nella semplicità di alcuni personaggi. Insomma, se volete leggere qualcosa di intenso, ok, triste, ma non tristissimo, Victor Hugo fa per voi.

2Hugo sceglie una narrazione fluida, perfettamente leggibile (anche se mi rendo conto che in questo caso una grande parte la giocano i traduttori). La descrizione accurata della Parigi e della sua società nel ‘400 lascia spazio a molti dialoghi vivaci, alleggerendo decisamente il testo. Insomma, un “mattone” a vedersi (svariate centinaia di pagine) ma non a leggersi.

3 Motivo “sentimentale”: perché dopo aver letto questo libro non vedrete mai più Parigi – città già molto romantica di suo – con gli stessi occhi.

“Catene di Gloria” di...

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

“Manifesto Criminale”: perché non...

Credo che amerei un libro di Colson Whitehead anche...

Lusso, ansia e contraffazione:...

Viviamo in un mondo dove i gusti e i...

Tra Dickens, la Sirenetta...

Il secondo romanzo della scozzese Elizabeth Macneal "Il circo...

Gli uomini della bomba...

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Blackwater” di Michael McDowell: il misterioso fascino di una saga di culto

Non è semplice scrivere di una serie letteraria su cui ormai si è versato molto inchiostro. Di certo i sei volumi che compongono la...

I detective del cibo e della memoria: “Le ricette perdute del ristorante Kamogawa” di Kashiwai Hisashi

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno inondando gli scaffali delle librerie italiane. Molti di questi, poi, parlano di gatti o di...