Tre buoni motivi per leggere “La Metamorfosi” di Franz Kafka

Tempo di lettura: 1 minuto

4 out of 5 stars (4 / 5) Una mostruosa metamorfosi e una metafora sull’indifferenza generale nei confronti del “diverso”


Ho letto “La Metamorfosi” (Crescere Edizioni, 2017), racconto scritto da Franz Kafka e pubblicato per la prima volta nel 1915, ed ecco tre buoni motivi per leggerlo.

La trama, in breve: il giovane Gregor Samsa – commesso viaggiatore che vive ancora con la famiglia – si risveglia un mattino di un giorno qualunque, e scopre di essersi trasformato in un enorme scarafaggio. Genitori e sorella accettano subito questa nuova orribile trasformazione, senza farsi troppe domande, gradualmente lo abbandonano.

Perché leggerlo?

1 Perché è molto breve, leggero e scorrevole, e non disdegna l’ironia. È la prima volta che leggo Kafka e sono rimasta piacevolmente stupita perché mi aspettavo un testo molto più complesso, ricco di metafore e riflessioni filosofiche. Si legge in poche ore.

2 Perché parla di un tema ancora dolorosamente attuale: l’emarginazione del “diverso”: Gregor improvvisamente diventa un insetto repellente e la famiglia, anziché chiedersi come aiutarlo, lo rifiuta e gradualmente lo abbandona, nonostante prima lo amasse.

3 Perché si intravede il difficile rapporto di Kafka con la sua famiglia: già in una lettera scritta alla sorella (anche nel racconto la sorella è l’unica che rimane vicina a Gregor, almeno per un po’) lo scrittore aveva definito la famiglia come “un contesto veramente animale” e opprimente. In “La Metamorfosi”, la famiglia di Gregor si rivela molto ingrata: prima era amato e rispettato quando, da umano, contribuiva in maniera sostanziale al mantenimento dei parenti; dopo la trasformazione, diventa uno “scarto”.

Roald Dahl e l’intelligenza...

Avete presente quei libri che avete in casa da...

I detective del cibo...

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

“Sushi misto dopo l’amore”...

Se siete amanti dei racconti brevi, della letteratura giapponese,...

“La caduta della casa...

Abbiamo già parlato della serie tv Netflix "La caduta...

Schegge di paura: tre...

Ci sono molti modi per passare una notte da...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...