La libertà sui pedali: “La strada si conquista. Donne, biciclette e rivoluzioni” di Manuela Mellini

SUL LIBRO

"La strada si conquista" è un libro che rende giustizia a tante donne che la storia ha preferito dimenticare (e quindi cancellare): merita di essere letto

Tempo di lettura: 2 minuti

La collana ‘Dinamica’ è uno dei fiori all’occhiello della casa editrice indipendente Capovolte, che si propone come  “indipendente e femminista. Una micro realtà in movimento che vuole vedere le cose da una prospettiva diversa. Appunto, Capovolte“. All’ultimo Book Pride di Genova abbiamo avuto modo di parlare con l’ideatrice e l’animatrice di questo progetto, Ilaria Leccardi, scoprendo un catalogo sempre più ricco e originale e spesso ispirato allo sport. Titoli coraggiosi e non banali come “La strada si conquista. Donne, biciclette e rivoluzioni” di Manuela Mellini, un manuale di resistenza tenace e gentile.

Il libro, in breve

Manuela Mellini, redattrice e autrice, scrive un saggio storico e sociale con lo stile e il ritmo di una narratrice e di una reporter. Così, in poche pagine, riesce a restituirci l’epopea del rapporto tra le donne e la bicicletta. Dagli anni delle pioniere, quando i maschi fanno di tutto per impedire alle donne di salire in sella, per impedire la loro emancipazione, al periodo tra le due guerre quando Alfonsina Strada sfida ogni convenzione e riesce ad essere la prima (e unica) donna a partecipare al Giro d’Italia dei maschi. Dalle vicende delle staffette partigiane durante la Resistenza alla battaglia non ancora vinta dell’uguaglianza di donne e uomini nello sport professionistico per arrivare alla lotta delle biciclette per conquistare le nostre città con una nuova idea di tempo e di sostenibilità. Una storia di cadute e di vittorie che vuole e deve ancora essere scritta nel futuro.

“La strada si conquista” è un libro che rende giustizia a tante donne che la storia ha preferito dimenticare (e quindi cancellare) e che merita di essere letto per almeno tre buoni motivi.

1. Il patriarcato in bicicletta

Cosa vuole, in sostanza, il patriarcato? Che le donne stiano a casa. Che non si muovano, se non accompagnate dagli uomini. E quando arrivò la bicicletta il patriarcato le provò tutte per impedire alle donne di salirci. Manuela Mellini ci racconta gli stratagemmi di prelati, medici, politici e imprenditori per rendere la bici difficile per le donne, il loro corpo, i vestiti che erano costrette ad indossare, la loro moralità. É un racconto desolante, di cui però non ci stupiamo. Grazie alla volontà di molte donne che sfidarono gli ostacoli, il dileggio e le molestie, molti risultati sono stati raggiunti. Certo, di strada ce n’è da fare ancora moltissima, come dimostrano le difficoltà delle atlete professioniste che portano medaglie olimpiche mentre sono pagate molto meno degli uomini: ma le donne sono pronte a nuove rivoluzioni e nuove conquiste.

2. Le straordinarie avventure di donne libere

Manuela Mellini è romagnola, Alfonsina Strada era emiliana e quando la prima racconta la seconda sembra proprio di vivere, come cantava Guccini, tra la Via Emilia e il West. La vicenda sportiva e umana di Alfonsina, capace di concludere un Giro d’Italia quando le tappe duravano giorni e notti su strade bianche e la sfida era con i limiti dell’estremo, è un libro dentro il libro che fa trepidare tra avventura, gioia ed emozioni. Alfonsina sapeva andare in bicicletta, Manuela sa scrivere in un modo antico (tra Verne e Salgari) e giovanissimo: veloce, coinvolgente e, soprattutto, coinvolto. Così anche le vicende delle staffette partigiane non scadono mai nell’aneddoto ma sono vive, pulsanti e ci insegnano senza annoiarci mai. La strada si conquista salendo in bicicletta e scrivendo su una pagina.

3. Città a misura di donne e biciclette

Le città in cui viviamo sono costruite per seguire i tempi di una società in cui gli uomini usano l’automobile. Ma è una realtà sempre più insostenibile. Abbiamo bisogno di nuove città, pensate al femminile: per liberare le strade, per un turismo a misura di persone e natura, per semplificare gli spostamenti e liberare spazi dalla produzione e dalla merce. Abbiamo bisogno delle città che pensano oggi cicliste, attiviste e progettiste urbane, e questo libro è importante perché indica una via non solo per le donne, ma per noi tutti. Per essere più liberi, come quelle donne di ogni cultura ed ogni paese che grazie a una bicicletta rompono l’isolamento, l’oscurantismo, le tante forme che può assumere un velo.

 

 

Lunedì 27 maggio: presentazione...

Un altro appuntamento con i libri! Lunedì alle 18 a...

Corea del Sud: l’ultimo...

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già...

La seduzione dei segreti:...

Il romanzo "Chi dice e chi tace" di Chiara...

Sei libri da leggere...

Durante il viaggio di formazione internazionale che ho fatto...

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...
"La strada si conquista" è un libro che rende giustizia a tante donne che la storia ha preferito dimenticare (e quindi cancellare): merita di essere lettoLa libertà sui pedali: "La strada si conquista. Donne, biciclette e rivoluzioni" di Manuela Mellini