Tre buoni motivi per leggere “La ragazza del treno” di Paula Hawkins

Tempo di lettura: 1 minuto

4 out of 5 stars (4 / 5) Quando farsi gli affari degli altri, a volte, fa bene


Ok, ok. Lo ammetto. Non amo troppo i gialli, li trovo spesso ripetitivi, pieni di contraddizioni e di colpi di fortuna che tanto nella vita reale alle persone normali non capitano (quasi) mai. Ma “La ragazza del treno” di Paula Hawkins (Piemme, 2015) è speciale, ecco perché:

1 La protagonista non è la classica eroina: niente poliziotti dal grande intuito, niente giornalisti di talento. È una ragazza decisamente disperata, depressa, bruttina, e perennemente ubriaca. Insomma, un’antieroina. Che però ha la fortuna di farsi gli affari degli altri una volta di troppo, e di vedere dal finestrino del treno una cosa che non avrebbe dovuto vedere. E che naturalmente cambierà non solo la vita degli altri, ma anche la sua.

2 La narrazione non è mai noiosa perché è un alternarsi continuo tra il tempo presente e i flashback, e tra i punti di vista di un personaggio e l’altro. Ed è particolare anche la formula per cui il racconto si divide tra mattina (cosa succede ai vari personaggi quando la protagonista va al lavoro in treno) e sera (cosa succede quando la protagonista torna a casa).

3 L’autrice riesce a far salire la giusta dose di curiosità e suspence: insomma, non ho sbadigliato, ma più volte ho atteso con ansia il momento di poter riprendere in mano il libro per arrivare all’agognato finale.

Come potete vedere dall’immagine in copertina, dal libro è stato tratto un film con Emily Blunt, secondo me in parte deludente rispetto al romanzo per una serie di motivi tra cui la cancellazione di alcuni dettagli, la location completamente diversa e l’impossibilità di rendere in forma cinematografica il particolare intreccio narrativo e l’alternanza dei diversi punti di vista.

“Milena Sutter” di Graziano...

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

Delitti da scartare sotto...

Dopo il grande interesse suscitato dai nostri consigli di...

La lunga estate gialla:...

L'estate non è solo tempo di ferie e relax:...

“Black Flies”: Sean Penn...

Ci sono libri che hanno uno strano destino. Sono...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...