Tre buoni motivi per leggere “Ritorno a Pompei” di Amelie Nothomb

Tempo di lettura: 1 minuto

5 out of 5 stars (5 / 5)
Dialogo surreale ed estremamente ironico tra una scrittrice rompiscatole e uno scienziato del futuro


Cosa può uscire dalla fantasia vulcanica di Amelie Nothomb, prendendo e mescolando nello stesso calderone le rovine di Pompei, una scrittrice rompiscatole e uno scienziato del futuro? “Ritorno a Pompei” (Voland, 2005) è l’avventura surreale di una scrittrice che – dopo aver subito un intervento chirurgico – si risveglia nel futuro, e dialoga con uno scienziato di nome Celsius, tra verità sconcertanti, paradossi e tanta ironia.

Tre buoni motivi per leggerlo:

1È un altro libro ironico e dal ritmo serrato, composto quasi solamente da dialoghi, come nella maggior parte dei libri della Nothomb. Che, come avrete capito, mi piace assai. Gusti miei. D’altronde, sarà pure il mio blog, no?

2 Il libro è in puro stile Nohtomb: scoperte sconcertanti (anche grottesche, a volte) e rivelazioni shockanti vengono trattate con ironia dalla protagonista, che intrattiene un godibilissimo dialogo con lo scienziato Celsius. E gli dimostrerà – tra storia, filosofia, sociologia ed etica – che gli anni ’90 non hanno niente da invidiare al 2500.

3 Perché è sintetico (poche pagine, come al solito, precisamente 128). E anche questo l’avete capito: adoro i libri che – con poche “pennellate” decise – riescono a trasmettere al lettore un mondo ricco di emozioni e significati. Questo, oltre a essere sintetito, è composto quasi esclusivamente da dialoghi, che rendono l’esperienza di lettura ancora più veloce.

 

La trilogia de “Il...

La fantascienza sta vivendo un nuovo periodo d'oro. Un...

Uno “Stranger Things” anni...

Chi ha seguito la serie Netflix 'The Crown' si...

“Catene di Gloria” di...

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

“La Torre” di Bae...

Di fronte alla collana 'Asia' della casa editrice torinese...

Il grande ritorno della...

Ken Kalfus è uno scrittore tanto pregevole quanto poco...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...