Tre buoni motivi per leggere “Ritorno a Pompei” di Amelie Nothomb

Tempo di lettura: 1 minuto

5 out of 5 stars (5 / 5)
Dialogo surreale ed estremamente ironico tra una scrittrice rompiscatole e uno scienziato del futuro


Cosa può uscire dalla fantasia vulcanica di Amelie Nothomb, prendendo e mescolando nello stesso calderone le rovine di Pompei, una scrittrice rompiscatole e uno scienziato del futuro? “Ritorno a Pompei” (Voland, 2005) è l’avventura surreale di una scrittrice che – dopo aver subito un intervento chirurgico – si risveglia nel futuro, e dialoga con uno scienziato di nome Celsius, tra verità sconcertanti, paradossi e tanta ironia.

Tre buoni motivi per leggerlo:

1È un altro libro ironico e dal ritmo serrato, composto quasi solamente da dialoghi, come nella maggior parte dei libri della Nothomb. Che, come avrete capito, mi piace assai. Gusti miei. D’altronde, sarà pure il mio blog, no?

2 Il libro è in puro stile Nohtomb: scoperte sconcertanti (anche grottesche, a volte) e rivelazioni shockanti vengono trattate con ironia dalla protagonista, che intrattiene un godibilissimo dialogo con lo scienziato Celsius. E gli dimostrerà – tra storia, filosofia, sociologia ed etica – che gli anni ’90 non hanno niente da invidiare al 2500.

3 Perché è sintetico (poche pagine, come al solito, precisamente 128). E anche questo l’avete capito: adoro i libri che – con poche “pennellate” decise – riescono a trasmettere al lettore un mondo ricco di emozioni e significati. Questo, oltre a essere sintetito, è composto quasi esclusivamente da dialoghi, che rendono l’esperienza di lettura ancora più veloce.

 

Uno “Stranger Things” anni...

Chi ha seguito la serie Netflix 'The Crown' si...

“Catene di Gloria” di...

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

“La Torre” di Bae...

Di fronte alla collana 'Asia' della casa editrice torinese...

Il grande ritorno della...

Ken Kalfus è uno scrittore tanto pregevole quanto poco...

Tre buoni motivi per...

"La fattoria degli animali" di George Orwell è un...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...