La trilogia de “Il problema dei tre corpi”: i libri di Cixin Liu che hanno rivoluzionato la fantascienza

Tempo di lettura: 3 minuti

La fantascienza sta vivendo un nuovo periodo d’oro. Un genere che sembrava aver vissuto la sua epoca d’oro tra gli anni ’50 e ’70 per poi finire ai margini dell’interesse del grande pubblico – salvo la luminosa partentesi del cyber punk – è di nuovo all’avanguardia dell’immaginario. Film di grande complessità, ma anche di grande successo, come “Interstellar” hanno anticipato una tendenza che oggi dilaga sulle piattaforme streaming.  Lo dimostra la prima stagione de “Il problema dei tre corpi“, prodotta da Netflix, che si sta rivelando un fenomeno culturale globale. Molto del merito va agli sceneggiatori David Benioff e D. B. Weiss, già autori di “Games of Thrones”,  affiancati da Alexander Woo, a cui si deve l’intuizione di trasportare sullo schermo un autore cinese di fantascienza sino ad oggi noto agli appassionati ma pressoché sconosciuto al grande pubblico: Cixin Liu.

Fantascienza cinese: la nuova frontiera

“Il problema dei tre corpi” è stato pubblicato in Cina nel 2006 e nel 2015 si aggiudica il premio Hugo, il più importante riconoscimento per la letteratura fantascientifica, per la prima volta attribuito a uno scrittore cinese. Nel 2017 il romanzo viene pubblicato in Italia da Mondadori, come i due successivi volumi della trilogia dei tre corpi: “La Materia del cosmo” e “Nella quarta dimensione”.

Un’opera rivoluzionaria e dirompente, destinata probabilmente ad avere un impatto paragonabile al Ciclo delle Fondazioni e al Ciclo dei robot di Isaac Asimov e a “Solaris” di Stanislaw Lem. Il fatto è che la fantascienza migliore si è sempre sprigionata dai luoghi di più impetuosa trasformazione sociale, scientifica e tecnologica e oggi la parte del pianeta terra attraversata dai cambiamenti più radicali e veloci è l’Asia, con la Cina al centro e la Corea del Sud a seguire. Un’onda di cui il nostro blog si è accorto leggendo libri come “Pechino pieghevole” di Hao Jingfang o “La Torre” di Bae Myung-Hoon.

Ma quali sono i punti di forza di queste opere e de “Il problema dei tre corpi” in particolare? Quali gli elementi che rendono la trilogia di Cixin Liu ancora più potente della serie tv?

Non i soliti alieni

Riassunta in modo stringato “Il problema dei tre corpi” sembra la solita fantascienza: una fisica cinese, perseguitata durante la Rivoluzione Culturale, riesce negli anni ’70 a comunicare con un pianeta distante anni luce, invitandoli a “salvare la Terra”, riponendo negli extraterrestri molta fiducia. Il fatto è che Trisolaris è un pianeta che, orbitando intorno a tre soli (i tre corpi), vive in una condizione di permanente instabilità, con una successione imprevedibile di ere del caos ed ere dell’ordine e la prospettiva di una distruzione totale. L’unica soluzione è: trovare un’altra casa. Così, nel nostro presente, gli scienziati terrestri più importanti cominciano ad essere perseguitati da visioni che li portano al suicidio o ad essere uccisi. Il segreto di Trisolaris, custodito sino a questo momento da pochi eletti riuniti in una strana organizzazione, viene alla luce e si scopre che una flotta aliena è in viaggio verso la Terra e la raggiungerà in 400 anni.

I Trisolariani sanno che sappiamo ed è questa consapevolezza reciproca che governa un intreccio narrativo capace di essere allo stesso tempo avvincente, inquietante e filosoficamente profondo.

Scienza, dubbi morali e corsa contro il tempo: gli elementi di un capolavoro

Nei libri di Cixin Liu c’è tantissima scienza, dalla fisica all’astronomia alle nanotecnologie. Il problema dei tre corpi o il paradosso di Fermi sono problemi teorici davvero affrontati e la fantasia dell’autore lavoro sulla possibilità dell’evoluzione del nostro sapere, esplorando le meraviglie e le minacce del possibile. Nello stesso tempo la trilogia mette i suoi meravigliosi personaggi di fronte al dilemma più grande che possa presentarsi all’umanità: come affrontare l’incontro con una civiltà del tutto diversa. E se l’abilità di Cixin Liu è innanzitutto nel rappresentare il problema di questo incontro dal punto di vista del sistema culturale di Trisolaris, il colpo da maestro, che rende unica questa opera, è quello di far confrontare gli attori con un evento che non vedranno.

I Trisolariani in viaggio e i terrestri in attesa non sono quelli che tra 400 anni si confronteranno e la partita della sopravvivenza si gioca quindi su due elementi: la capacità di pensare non a sé stessi ma alle generazioni future e la capacità di accrescere i propri saperi il più possibile evitando le trappole tese dall’altro per rallentare l’avversario.

Un’umanità davvero globale

Ci sono capitoli, nei libri di Cixin Liu, che sono ancora più grandiosi delle migliori sequenze della serie tv, ma quello che secondo noi rende la trilogia dei tre corpi una novità, è l’ampiezza della visione del suo autore. La fantascienza sociale classica usava lo spazio e il tempo come grandi metafora dei conflitti tra di noi: la guerra fredda, in particolare e le società totalitarie. La fantascienza di Cixin Liu (o anche di Hao Jingfang), pur essendo fortemente riconoscibile come cinese, riesce davvero a rappresentare l’umanità come un unico soggetto chiamato a rispondere alle sfide del cosmo. Un salto quantico dell’immaginario che fa de “Il problema dei tre corpi” uno dei libri più importanti del nuovo millennio.

La solitudine dei fan...

La casa editrice e/o ha portato in Italia il...

Resistere a un mondo...

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura...

Uno “Stranger Things” anni...

Chi ha seguito la serie Netflix 'The Crown' si...

“Catene di Gloria” di...

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

Halloween: da Edgar Allan...

"Una tetra mezzanotte", "La maschera della morte rossa", "I...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Tre buoni motivi per leggere “La fattoria degli animali” di George Orwell

"La fattoria degli animali" di George Orwell è un grande, grandissimo classico della letteratura britannica pubblicato nel 1945 e diventato famoso a livello mondiale....

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Tre buoni motivi per leggere “Cime Tempestose” di Emily Brontë

Un capolavoro, tra romanticismo e dannazione Il romanzo romantico e maledetto per eccellenza: "Cime Tempestose" è stato l'unico libro scritto da Emily, una delle tre sorelle...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...