Tre buoni motivi per leggere “Il tempo imperfetto” di Francesco Piccolo

Tempo di lettura: 1 minuto

4 out of 5 stars (4 / 5)
Cosa succederebbe se nascessimo vecchi e morissimo giovani?


Ho letto molti anni fa “Il tempo imperfetto” di Francesco Piccolo (pubblicato nel 2000) ma alcune cose mi sono sempre rimaste impresse.

Chi ha letto il racconto di Francis Scott Fitzgerald “Il curioso caso di Benjamin Button”, diventato poi film con Brad Pitt e Cate Blanchett, troverà sicuramente alcune convergenze: qui, però, la regola di Benjamin Button vale per tutti. Si nasce vecchi, e si muore giovani. E così Carlo e Teresa si innamorano e scoprono insieme il risveglio dei sensi, la pienezza dei corpi e dei loro affetti senza l’angoscia di un futuro da costruire. Eppure qualcosa non torna.

Ecco tre buoni motivi per leggere “Il tempo imperfetto”:

1 Perché è un romanzo breve ma intenso, in un centinaio di pagine riesce a emozionare, coinvolgere e a far riflettere il lettore.

2 Perché tutto sommato alla fine ci chiediamo se la vita con l’orologio biologico che viaggia in senso antiorario sia proprio migliore della nostra, se anche in questo caso non salti fuori, in un modo o nell’altro, l’imperfezione del nostro universo.

3 Perché Carlo e Teresa sono una coppia tenera. La loro storia è tenera, l’inizio faticoso è tenero, la riscoperta dei sensi è tenera, la passione successiva è tenera. E ci vuole, ogni tanto, un po’ di tenerezza.

Arriva la nostra rassegna...

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate:...

Lunedì 27 maggio: presentazione...

Un altro appuntamento con i libri! Lunedì alle 18 a...

Perché “Mein Kampf –...

Come è possibile che un uomo, giorni fa, abbia...

Vi aspettiamo alla BookWeek...

Anche Tre Buoni Motivi per Leggere sarà presente alla...

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

Arriva la nostra rassegna estiva “Libri in piazzetta”

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate: si chiama "Libri in piazzetta" e sono sei appuntamenti con autrici e autori nella splendida...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “feel good” che ci fanno stare bene

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...