Tre buoni motivi per leggere “Il tempo imperfetto” di Francesco Piccolo

Tempo di lettura: 1 minuto

4 out of 5 stars (4 / 5)
Cosa succederebbe se nascessimo vecchi e morissimo giovani?


Ho letto molti anni fa “Il tempo imperfetto” di Francesco Piccolo (pubblicato nel 2000) ma alcune cose mi sono sempre rimaste impresse.

Chi ha letto il racconto di Francis Scott Fitzgerald “Il curioso caso di Benjamin Button”, diventato poi film con Brad Pitt e Cate Blanchett, troverà sicuramente alcune convergenze: qui, però, la regola di Benjamin Button vale per tutti. Si nasce vecchi, e si muore giovani. E così Carlo e Teresa si innamorano e scoprono insieme il risveglio dei sensi, la pienezza dei corpi e dei loro affetti senza l’angoscia di un futuro da costruire. Eppure qualcosa non torna.

Ecco tre buoni motivi per leggere “Il tempo imperfetto”:

1 Perché è un romanzo breve ma intenso, in un centinaio di pagine riesce a emozionare, coinvolgere e a far riflettere il lettore.

2 Perché tutto sommato alla fine ci chiediamo se la vita con l’orologio biologico che viaggia in senso antiorario sia proprio migliore della nostra, se anche in questo caso non salti fuori, in un modo o nell’altro, l’imperfezione del nostro universo.

3 Perché Carlo e Teresa sono una coppia tenera. La loro storia è tenera, l’inizio faticoso è tenero, la riscoperta dei sensi è tenera, la passione successiva è tenera. E ci vuole, ogni tanto, un po’ di tenerezza.

Resistere a un mondo...

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Uno “Stranger Things” anni...

Chi ha seguito la serie Netflix 'The Crown' si...

Presentiamo l’ultimo libro di...

Dopo il grande successo dell'incontro sul meraviglioso viaggio dei...

“Povere creature!”: il film...

Sapevate che... "Povere creature!", il film di Yorgos Lanthimos...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...