Derive e burnout del precariato: “La lavoratrice” di Elvira Navarro

Tempo di lettura: 2 minuti

“La lavoratrice” della spagnola Elvira Navarro (2019, nell’efficace traduzione di Sara Papini)  l’ho trovato a un Book Pride di Milano, allo stand della coraggiosa casa editrice indipendente LiberAria. Mi aveva colpito per il titolo per le tematiche che si propone di affrontare – il precariato – ma, come spesso accade con i libri acquistati alle fiere, ho aspettato prima di leggerlo. Troppo: perché è un romanzo che merita di essere assunto in dose massiccia, senza indugi, tutto di un fiato. Un romanzo che svela un’autrice che meriterà di abitare con altri volumi la mia libreria.

La trama, in breve

Elvira lavora come collaboratrice in un grande gruppo editoriale. Viene pagata in modo discontinuo e male e per questo è costretta a subaffittare una stanza del suo appartamento nella periferia di Madrid. Un suo caro amico le presenta Susana, che lavora in un call center e si dedica a realizzare opere d’arte postmoderne con ritagli delle riviste. Il passato di Susana diventa un’ossessione per Elvira, che finalmente riesce a conoscere e ad annotare la sua storia di vita borderline. Ma nel frattempo è proprio lei che deraglia e sprofonda in un burnout che la porta a camminare di notte per Madrid, alla ricerca di un baricentro della sua vita che sembra ormai inafferrabile. Forse la salverà la terapia, forse scrivere è la terapia.

“La lavoratrice” è un libro ipnotico, dove qualcosa può perdersi nel vortice dello stile, ma dove si trovano almeno tre ottimi motivi per leggerlo.

1. Una scrittura che restituisce i drammi della precarietà

Lo stile di Elvira Navarro non è semplice ed ha ambizioni sperimentali. Ma il dosaggio di flusso di coscienza e trascrizione delle storie dei personaggi da parte della voce narrante è perfettamente funzionale a restituire cosa fa il lavoro precario a una persona: la scompone, la destabilizza, le toglie il sonno. Soprattutto la costringe a scegliere tra la capacità di concentrarsi per dedicarsi interamente al lavoro e la resa totale, il ritiro dalla vita sociale, la medicalizzazione psichiatrica. Il ritmo de ‘La lavoratrice’ è il ritmo di molti di noi: per questo ci si ritrova e il disturbo che possiamo avvertire è un segnale d’allarme. Lo stile della Navarro è lo stile della vita quotidiana.

2. La bulimia del desiderio

Le due protagoniste sono molto diverse, sono costrette alla convivenza dalle circostanze e non si piacciono. Sono due solitudini inconciliabili ma unite dallo stesso scacco del desiderio. Susana cerca incontri, con uomini e donne, e quando trova un’ipotesi di amore le manca la compulsività della ricerca dell’emozione. Elvira vaga per Madrid di notte alla ricerca di una mappa di sé stessa, trovando solo paesaggi crepuscolari e indefinibili. Due donne costrette a divorare tutto, senza riuscire a trattenere nulla. Ma non rinunciano a cercare una strettoia di luce e questo ce le fa amare, incondizionatamente.

 3. Squarci narrativi abbacinanti

All’interno della vicenda principale, l’autrice inserisce delle storie “collaterali”, quasi delle micronarrazioni a sé stanti, e due in particolare valgono da sole la lettura de “La lavoratrice”: quella raccontata dalla capa di Elvira, Carmentxu, e quella sul corso a cui si iscrive Elvira per imparare “i fondamenti per gestire il tempo in modo imprenditoriale”. Oltre ad essere emozionanti, centrano il punto: la distruzione della solidarietà umana a favore della concorrenza esasperata è uno degli obiettivi del sistema di produzione contemporaneo e svelare questa verità è il merito inestimabile di questo romanzo.

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

I sentieri del caso...

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto...

La seduzione dei segreti:...

Il romanzo "Chi dice e chi tace" di Chiara...

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Tre buoni motivi per leggere “La fattoria degli animali” di George Orwell

"La fattoria degli animali" di George Orwell è un grande, grandissimo classico della letteratura britannica pubblicato nel 1945 e diventato famoso a livello mondiale....

Tre buoni motivi per leggere “Cime Tempestose” di Emily Brontë

Un capolavoro, tra romanticismo e dannazione Il romanzo romantico e maledetto per eccellenza: "Cime Tempestose" è stato l'unico libro scritto da Emily, una delle tre sorelle...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...
"La lavoratrice" della spagnola Elvira Navarro (2019, nell'efficace traduzione di Sara Papini)  l'ho trovato a un Book Pride di Milano, allo stand della coraggiosa casa editrice indipendente LiberAria. Mi aveva colpito per il titolo per le tematiche che si propone di affrontare - il...Derive e burnout del precariato: "La lavoratrice" di Elvira Navarro