“Il principe e la sarta”: fiaba non convenzionale sul diritto di scegliere la propria identità

SUL LIBRO

Una bella fiaba raccontata in graphic novel sul rispetto, sull'amore e sul diritto di scegliere la propria identità senza subire discriminazioni

Tempo di lettura: 2 minuti

Eravamo in vacanza in Spagna e, da bravi ‘nerd’ dei libri, Simone ed io abbiamo visitato una delle librerie più belle di Barcellona seguendo i consigli di Jorge Carrión – che insegna letteratura contemporanea e scrittura creativa presso l’Universidad Pompeu Fabra – per Il Libraio. Ci siamo ritrovati così a la Central, poco lontano dalla Rambla, un vero paradiso per i lettori con tanto di (eccellente) ristorante-caffetteria nel patio frequentato da studenti e lettori di ogni genere.

Potevo andare via senza un libro? Ovviamente no. Conosco lo spagnolo, avendolo studiato al liceo, ma non me la sentivo di affrontare una lettura impegnativa: ho dunque optato per una graphic novel, “El principe y la modista” di Jen Wang (2018), che in italiano si intitola “Il principe e la sarta” ed è edito da Bao.

Ammetto che di graphic novel per ora me ne intendo poco, ma l’ho trovata una lettura davvero interessante. Ecco tre considerazioni:

1 Potremmo inserire questa “fiaba” nel filone degli young adult. Siamo a Parigi in un’epoca non meglio specificata, ma che potremmo collocare nell’800. Il principe Sebastian, erede al trono, deve sposarsi (o almeno questo è il grande desiderio dei genitori). Ma al ragazzo non interessa cercare moglie: lui ama la moda e quando calano le tenebre gli piace vestirsi da donna e incantare la capitale francese con la sua eleganza. Incontra casualmente una giovane sarta che scopre il suo segreto: tra i due nasce un sodalizio che si trasforma rapidamente in una solida amicizia e Sebastian – con indosso le creazioni della ragazza – diventa la favolosa Lady Cristalia. Ma il mondo e soprattutto il re e la regina saranno pronti ad accettare la sua vera natura?

2 La graphic novel è una bella fiaba, abbastanza semplice, sul rispetto, sull’amore e sulla libertà di scegliere la propria identità senza subire discriminazioni che spesso arrivano in prima istanza proprio dalla famiglia. Discriminazioni che arrivano il più delle volte dalla non conoscenza. L’augurio è che, in questi tempi bui, le storie dei “principi” e delle “sarte” riescano comunque a emergere con forza, soprattutto tra i giovani, in modo da andare verso una società sempre più aperta ai diritti civili, malgrado la politica e anzi, con cui la politica dovrà fare i conti. Credo e spero infatti che – nonostante i passi indietro di una certa classe politica – la società stia andando avanti in maniera ineluttabile. Un processo che si può rallentare, ma non fermare.

3 Se cercate una lettura poco impegnativa ma ricca di significato, questo titolo fa per voi: con le sue quasi 300 pagine, si legge in un giorno. Ovviamente i fumetti sono più veloci da leggere rispetto a un romanzo: certo, è un discreto “tomo”, non proprio una lettura da mettere in borsetta, ma i disegni a colori, semplici e belli, compensano il peso. (So che alcune graphic novel sono adattate anche per lettori ebook, ma faccio parte della scuola di chi pensa che questo genere debba essere letto su carta per ragioni di tecnica ed impaginazione).

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

“Il compito” di Liza...

Ho particolarmente apprezzato "Il compito" di Liza Wiemer, edito...

Tre buoni motivi per...

Ho acquistato "Caccia all'omo" di Simone Alliva (Fandango, 2020)...

Tre buoni motivi per...

Quando ho avuto tra le mani il primo romanzo...

5 libri da leggere...

La Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia, la transfobia...

Tre buoni motivi per...

Un inno alla semplicità dell'amore adolescenziale che batte paura...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...
Una bella fiaba raccontata in graphic novel sul rispetto, sull'amore e sul diritto di scegliere la propria identità senza subire discriminazioni"Il principe e la sarta": fiaba non convenzionale sul diritto di scegliere la propria identità