Tre buoni motivi per leggere “Repertorio dei matti della città di Genova” a cura di Paolo Nori

SUL LIBRO

È più 'matto' quello che - come direbbe De André - ha un mondo nel cuore e non riesce a esprimerlo con le parole, o il miliardario che mette un cartone sulla finestra rotta per tre anni pur di non dare 50 euro a un vetraio?

Tempo di lettura: 2 minuti

Di Paolo Nori ho letto recentemente “I russi sono matti” e mi sono divertita tantissimo. Così, al Salone del Libro di Torino, quando ho visto “Repertorio dei matti della città di Genova” a cura di questo autore (Marcos y Marcos, 2017) da brava genovese non ho potuto fare che comprarlo e ridere come una matta mentre lo leggevo. Tra l’altro, Nori ha curato “repertori dei matti” delle città di mezza Italia, se qualche lettore fosse interessato a cercare la propria.

Andiamo dritti al sodo, ecco perché leggerlo:

1 È provocatorio e dissacrante: sono micro-episodi spesso lunghi quanto una frase che raccontano – con lo stile di Nori, di cui parlerò più sotto – dei “matti” della città di Genova. Ne ho parlato anche su GenovaToday: c’era quello che su un muro di Genova aveva scritto “Basta scritte sui muri di Genova”, una signora all’Acquasanta che “se le passavi davanti a casa e non era in buona, ti rincorreva con l’accetta”, ma anche personaggi noti in città tra giornalisti, politici, cantautori e cos’ via. È un piccolo geniale caleidoscopio di follia che mescola tutto e che restituisce una riflessione: dov’è il confine tra normalità e stravaganza? Chi è che lo decide? È più ‘matto’ quello che – come direbbe De André – ha un mondo nel cuore e non riesce a esprimerlo con le parole, o il miliardario che mette un cartone sulla finestra rotta per tre anni pur di non dare 50 euro a un vetraio?

2 Fa davvero molto ridere: i genovesi potranno riconoscere luoghi, fatti, personaggi noti e meno noti (anche se senza nome) in questo breviario che non parla di pettegolezzi ma di piccole chicche che, grazie al talento di Nori ma anche dei collaboratori che hanno contribuito a scovarle, hanno in sé una certa poesia. E alla fine anche noi genovesi rideremo delle nostre stranezze, considerate per tanto tempo normalità, ma che sembrano davvero follie viste con gli occhi di una persona che arriva da fuori (uno su tutti, il caso dei continui litigi per rinominare l’ex casello autostradale di Voltri, ora Pra’).

3 È molto breve, si legge in un giorno, e gli aneddoti sono spesso lunghi un paio di frasi, con lo stile inconfondibile di Paolo Nori: il testo scorre come un flusso di coscienza, tra ripetizioni e un uso della punteggiatura (artifici voluti) che strizzano l’occhio molto più all’italiano parlato che a quello scritto.

 

Arriva la nostra rassegna...

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate:...

Lunedì 27 maggio: presentazione...

Un altro appuntamento con i libri! Lunedì alle 18 a...

Perché “Mein Kampf –...

Come è possibile che un uomo, giorni fa, abbia...

Vi aspettiamo alla BookWeek...

Anche Tre Buoni Motivi per Leggere sarà presente alla...

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

Arriva la nostra rassegna estiva “Libri in piazzetta”

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate: si chiama "Libri in piazzetta" e sono sei appuntamenti con autrici e autori nella splendida...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “feel good” che ci fanno stare bene

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...
È più 'matto' quello che - come direbbe De André - ha un mondo nel cuore e non riesce a esprimerlo con le parole, o il miliardario che mette un cartone sulla finestra rotta per tre anni pur di non dare 50 euro a un vetraio?Tre buoni motivi per leggere "Repertorio dei matti della città di Genova" a cura di Paolo Nori