Tre buoni motivi per leggere “Nel Giappone delle donne” di Antonietta Pastore

Tempo di lettura: 1 minuto

4 out of 5 stars (4 / 5) Un “must” per chi vuole saperne di più di cultura e società giapponese, vista dagli occhi di un’esperta


Chi mi conosce sa che mi affascina molto il Giappone, con una cultura e regole sociali così diverse dalla nostra, e città in cui si fondono tecnologia futuristica e tradizione. Ho letto “Nel Giappone delle donne” (Einaudi, 2004) proprio perché ero interessata a saperne di più.

Ecco tre buoni motivi per leggerlo:

1 Chi racconta è Antonietta Pastore, non una semplice turista, ma una persona che il Giappone lo ha vissuto davvero, anche per professione: ha insegnato all’Università di Lingue Straniere di Osaka ed è la traduttrice dal giapponese di Haruki Murakami (e altri autori), e ha vissuto per 16 anni nel paese del Sol Levante.

2 Il libro racconta – attraverso la storia di alcune conoscenti dell’autrice – tutte le fasi della vita di una donna in Giappone, divise per capitoli: giovani, il lavoro, il matrimonio, la famiglia, il divorzio, il femminismo, il rapporto con la tradizione, la terza età, e così via.

3 Il libro svela molte piccole curiosità che solo un vero conoscitore della cultura giapponese può descrivere: cosa è consentito e cosa è disdicevole, il rigido ruolo delle convenzioni e della tradizione che influenza la sfera pubblica e privata. Dal rapporto con il marito a quello con la baby sitter, dalle differenze tra città e provincia al galateo delle emozioni.

Un’aggiunta è doverosa: il libro è sì del 2004, ma i ricordi raccontati dall’autrice non sono sempre attuali: risalgono fino agli anni ’70, in cui la società – nei confronti della donna – era comunque molto diversa da quella di oggi, un po’ come da noi.

Corea del Sud: l’ultimo...

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già...

Sei libri da leggere...

Durante il viaggio di formazione internazionale che ho fatto...

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

Arriva la nostra rassegna estiva “Libri in piazzetta”

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate: si chiama "Libri in piazzetta" e sono sei appuntamenti con autrici e autori nella splendida...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “feel good” che ci fanno stare bene

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Bridgerton” (Netflix): la vita difficile degli sceneggiatori

Le serie tv che conquistano milioni di spettatori e spettatrici devono molta della loro fortuna al testo, all’intreccio, quindi il loro successo (o fallimento)...