Tre buoni motivi per leggere “Gomorra” di Roberto Saviano

Tempo di lettura: 2 minuti

5 out of 5 stars (5 / 5) Ormai un classico, vale davvero la pena leggerlo, guardando oltre le polemiche


Alt! Lo so, avete ragione. Mea culpa. La foto è tratta da “Gomorra” la serie tv. E, chi non ha mai letto il libro di Saviano, sappia che non si parla di Genny Savastano, di don Pietro, di Ciro, e compagnia bella. È un saggio, o meglio il racconto del giornalista Saviano che nel libro (Mondadori, 2006) spiega il mondo affaristico e criminale della camorra, nei luoghi in cui è nata e vive. Ma in realtà, leggendolo, ho trovato moltissimi riferimenti agli aneddoti che compaiono anche nel film e nella serie tv che, d’altronde, sono ispirati proprio al libro di Saviano.

Ecco tre buoni motivi per leggerlo:

Perché sono convinta che pochi di quelli che ne parlano lo hanno letto davvero. È un libro che ha destato molto scalpore, reazioni positive e negative, ed è diventato un best seller non solo in Italia, ricevendo recensioni molto positive da tutti i principali quotidiani italiani e stranieri. È stato forse uno dei libri più commentati degli ultimi anni, ogni uomo politico, imprenditore, giornalista, “opinionista”, ha voluto dire la sua. Insomma, uno dei 100 libri da leggere nella vita, almeno per il gusto di averlo letto ed essersi fatti un’opinione personale. Sulle polemiche nate intorno alla persona di Saviano si potrebbero scrivere interi libri, anche perché successivamente lo scrittore non si è occupato solo di camorra ma è intervenuto a commentare molti altri temi, dalla politica alla società. In molti hanno cercato di screditarlo, al di là della simpatia o antipatia dell’uomo, io penso semplicemente che chi cerca di sminuire la sua opera o è in mala fede, o è invidioso perché quelle cose non le ha scritte lui. In ogni caso, davvero, per farsi un’idea non esiste miglior soluzione che toccare personalmente con mano.

Libro e serie tv sono due cose diverse, per un pubblico diverso. La serie tv mi è piaciuta ma – per i miei gusti – è troppo violenta, e allo stesso tempo si corre il rischio di perdere di vista la realtà, raccontata non più dal punto di vista di un giornalista, o di un magistrato, o di un poliziotto, ma dei protagonisti. Non saprei dire se chi ha amato il libro amerà anche la serie tv, o viceversa. Ma occorre dire che molti aneddoti o storie che abbiamo visto sul piccolo schermo sono tratti dal libro (tanto per citarne qualcuno, la storia degli “scissionisti” legati a un personaggio scappato in Spagna, o il particolare del bicchiere di urina) e sono stati poi “romanzati” successivamente, cambiando magari il nome dei personaggi.

Ultimo ma non meno importante, perché bisogna parlarne. Il libro racconta nei dettagli una realtà nella realtà, quella di un sistema (e infatti la “camorra” viene chiamata proprio “sistema” dagli affiliati) che riesce a infilare i propri tentacoli ovunque. Deprimente? Sicuramente, ma sprona anche a non arrendersi. E a parlarne, parlarne, parlarne. Come dice Saviano alla fine del libro: «Maledetti bastardi, sono ancora vivo!».

Il tradimento del lavoro:...

Lavoratrici e lavoratori dei settori dell'istruzione, della grande distribuzione,...

“#staizitta giornalista!”: perché quello...

Era da tempo che volevo leggere "#staizitta giornalista -...

“Il pensiero coreano” di...

Giunti ha deciso di pubblicare una serie di interessanti...

“Dieci cose che ho...

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è...

“L’invincibile estate di Liliana”...

In un giorno di luglio del 1990, Liliana Garza...

“Generazione Settanta” di Miguel...

Il sottotitolo dell'ultimo saggio storico di Miguel Gotor (Einaudi,...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...

Il destino del desiderio nell’era del K-pop: “Y/N” di Esther Yi

Ci sono romanzi da cui ti aspetti una cosa e quello che trovi è non solo molto diverso, ma straordinariamente più interessante di ciò...

Tre buoni motivi per leggere la serie del Commissario Gamache di Louise Penny

Tre libri, tre giudizi diversi per una saga che vale 4 stelle "Case di vetro", "Il regno delle ombre" e "Un uomo migliore" sono i...

“Pizza Girl” di Jean Kyoung Frazier: gli stupefacenti disordini dell’amore

"Pizza Girl", esordio di Jean Kyoung Frazier (Blackie, 2022, magnifica traduzione di Monica Nastasi), è un dono per cui dobbiamo ringraziare Richard Ford e...

Tre buoni motivi per leggere “Il mondo deve sapere” di Michela Murgia

Aprire il libro sul proprio lavoro per aprire gli occhi dei lettori: il sogno proibito è anche utile "Il mondo deve sapere (quant'è schifa la vita...