Tre buoni motivi per leggere “Ti lascio per riprendermi” di Giovanna Donini e Andrea Midena

Tempo di lettura: 2 minuti

3 out of 5 stars (3 / 5)

A volte lasciarsi fa bene. Se si può fare con una risata, tanto meglio


Non c’è nulla da ridere se pensiamo al tramonto di un amore, alla separazione, al dolore di chi lascia e al senso di vuoto di chi viene lasciato. Senza contare tutti gli inevitabili strascichi e complicazioni. Per questo “Ti lascio per riprendermi” di Giovanna Donini e Andrea Midena (Solferino, 2021) è stata una piacevolissima sorpresa: perché affronta tutto questo… in maniera tragicomica, o meglio, come dicono loro, “praticomica”. Perché anche separarsi è possibile concedendosi qualche risata, per «non cadere dentro al buco nero che è a un passo da noi» come direbbero Colapesce e Dimartino.

Vediamo perché leggerlo:

1 Perché i due autori parlano di argomenti non facili, ma lo fanno in maniera molto divertente. Con il suo ritmo brillante e ricco di ironia, “Ti lascio per riprendermi” ricorda un po’, per chi lo ha letto, “La verità è che non gli piaci abbastanza” di Greg Behrendt e Liz Tuccillo. Anche in questo caso a confrontarsi sono un’autrice donna e un autore uomo che portano su carta le loro esperienze e i loro differenti punti di vista, naturalmente in maniera scanzonata, con esempi di situazioni dal bizzarro all’imbarazzante in cui tutti si potranno ritrovare almeno una volta. Con un sorriso.

2 Il messaggio di fondo, seppur trasmesso in maniera divertente, è molto serio. Infatti, anche se può essere doloroso e pauroso, è meglio ammettere quando nella coppia le cose non funzionano più e darci un taglio, riprendendo la propria vita in mano e aprendosi a nuove opportunità, piuttosto che affrontare anni di guerriglia sfiancante e scandita da routine senza emozioni. Questo insegna il libro fin dal suo titolo: a volte lasciarsi è necessario per tornare a essere se stessi e, perché no, avere per la propria persona almeno un decimo delle attenzioni e dell’amore riservati ad altri. D’altronde, non è detto che il lieto fine debba essere sempre quello imposto dalla narrazione fiabesca, con un principe o una principessa accanto: a volte il nostro lieto fine siamo semplicemente noi stessi, nel momento in cui impariamo a volerci più bene.

3 A proposito di risate, i due autori ne sanno qualcosa. Stiamo parlando infatti di Giovanna Donini, autrice televisiva che dal 2006 cura programmi come Zelig ed è web content per Smemoranda, e Andrea Midena, attore, comico e autore tv che ha scritto i testi di Gioele Dix, Teresa Mannino, Baz, Gabriele Cirilli, Mago Forest e altri, partecipando a Zelig e Colorado Café. I due hanno confessato di essere diventati molto amici (anche) raccontandosi delle reciproche separazioni e aiutandosi nei momenti difficili. E dunque perché non raccontare il tutto, naturalmente a modo loro?

Corea del Sud: l’ultimo...

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già...

Sei libri da leggere...

Durante il viaggio di formazione internazionale che ho fatto...

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Tre buoni motivi per leggere “La fattoria degli animali” di George Orwell

"La fattoria degli animali" di George Orwell è un grande, grandissimo classico della letteratura britannica pubblicato nel 1945 e diventato famoso a livello mondiale....

Tre buoni motivi per leggere “Cime Tempestose” di Emily Brontë

Un capolavoro, tra romanticismo e dannazione Il romanzo romantico e maledetto per eccellenza: "Cime Tempestose" è stato l'unico libro scritto da Emily, una delle tre sorelle...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...