Tre buoni motivi per leggere “La fattoria degli animali” di George Orwell

SUL LIBRO

Il classico libro che i professori assegnano agli studenti, ed è bene che continuino a farlo

Tempo di lettura: 2 minuti

“La fattoria degli animali” di George Orwell è un grande, grandissimo classico della letteratura britannica pubblicato nel 1945 e diventato famoso a livello mondiale. Conservo ancora gelosamente a casa l’edizione che avevo comprato quando andavo a scuola, un vecchio Oscar Mondadori edito nel 2000. Adesso viene pubblicato da diverse case editrici (in copertina riporto l’edizione di Newton Compton). E in effetti è proprio il classico libro che i professori assegnano agli studenti, ed è bene che continuino a farlo, ecco perché.

La trama in breve

Gli animali di una fattoria nei pressi di Willingdon (Inghilterra) si ribellano allo sfruttamento del loro fattore, Mr. Jones. Cacciano via il proprietario e poi cercano di fondare un nuovo ordine fondato su un concetto utopistico di uguaglianza. Ma ben presto la situazione sfugge di mano (anzi, di zampa) ed emerge una nuova classe di burocrati – i maiali – che con la loro astuzia si impongono in modo prepotente e tirannico sugli altri animali. Insomma, sotto l’oppressione del maiale Napoleon gli altri animali finiscono per conoscere gli stessi maltrattamenti di prima e, alla fine, non si riesce più a distinguere i nuovi sfruttatori da quelli vecchi.

La recensione – Tre buoni motivi per leggerlo

Ecco perché leggere e far leggere, ancora oggi, “La fattoria degli animali”:

1 Perché dietro alla storia degli animali ovviamente c’è molto di più: il romanzo è allegorico e si riferisce agli eventi che portarono alla Rivoluzione russa e successivamente all’era staliniana dell’Unione Sovietica. In particolare è un’aspra critica a Stalin che, partendo da un’utopia, aveva trasformato l’Unione Sovietica in una dittatura brutale. La forma è comunque quella della fiaba: tanto che, all’inizio, il libro venne pubblicato con il sottititolo “A fairy story”, ma molti editori decisero ben presto di abbandonarlo, a volte optando per “Una satira” oppure, specificando meglio, addirittura “Un racconto satirico contro Stalin”. Tanto che ogni personaggio rappresenta diverse figure: il Vecchio Maggiore è Lenin, Napoleon è Stalin, Palla di Neve Trockij, il fattore è lo zar Nicola II e così via.

2La scrittura di Orwell è semplice e immediata e la formula – che nel sottotitolo descriveva come quella di “una fiaba” – è quella comunque di un breve romanzo fantasioso. Lo possono leggere anche ragazzi molto giovani ma non è un libro per bambini, ovviamente: si riferisce a un pubblico adulto con tanti riferimenti alla storia contemporanea tra le righe.

3 È un libro da far continuare a leggere nelle scuole? Assolutamente sì: tutti i libri che mettono in guardia nei confronti delle dittature e che parlano specialmente del modo subdolo e impercettibile in cui si manifestano all’inizio, devono essere letti. Soprattutto in un’epoca in cui i testimoni diretti stanno scomparendo e la memoria degli orrori del ‘900 rischia di essere perduta.

La trilogia de “Il...

La fantascienza sta vivendo un nuovo periodo d'oro. Un...

Uno “Stranger Things” anni...

Chi ha seguito la serie Netflix 'The Crown' si...

“Catene di Gloria” di...

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

“La Torre” di Bae...

Di fronte alla collana 'Asia' della casa editrice torinese...

Il grande ritorno della...

Ken Kalfus è uno scrittore tanto pregevole quanto poco...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...
Il classico libro che i professori assegnano agli studenti, ed è bene che continuino a farloTre buoni motivi per leggere "La fattoria degli animali" di George Orwell