Tre libri per tutti che ci aiutano a capire meglio il presente

Tempo di lettura: 2 minuti

Quello che stiamo vivendo è un periodo estremamente disorientante da molti punti di vista: viviamo in un mondo in cui siamo bombardati da un flusso continuo di notizie (spesso cattive) che ci causano ansie e apprensioni, da lettori e frequentatori del web dobbiamo imparare a distinguere le fake, la situazione internazionale pare fragile ovunque e infine la pandemia di covid-19 è stata l’ultima “doccia fredda” che ci ha costretti a modificare le nostre abitudini, amplificando le fragilità e le nevrosi della società.

La chiave migliore per capire il nostro presente è forse capirne la storia. Negli ultimi anni in libreria sono comparse alcune proposte interessanti, alla portata di tutti… come piace a me. L’ho già scritto molte volte, trovo assolutamente affascinante (e per nulla facile) l’arte della divulgazione, la sfida di trattare argomenti complessi, di attualità, in maniera semplice e in forma accessibile ma senza perdere profondità.

Ne elenco tre:

1“Migrazioni” di Robin Cohen (Giunti, 2021). È la storia illustrata dei popoli in movimento dalla comparsa degli esseri umani ai giorni d’oggi: bellissima in quanto fa capire – tra grafici, illustrazioni, foto e mappe – che le migrazioni sono sempre esistite, per molteplici fattori. Perché ci si muoveva (e ci si muove)? Per fame, per scappare da guerre e persecuzioni, per conquistare, per commerciare, per esplorare, per lavorare, per studiare e per mille altri motivi che sono ben illustrati. Il libro è bello perché il tema delle migrazioni umane, appannaggio una volta di paleontologi, demografi, geografi e sociologi, esce dal contesto degli studi accademici: Cohen, ex direttore dell’International Migration Institute dell’Università di Oxford, rende l’argomento più “digeribile” a tutti, pur mantenendone la complessità e senza banalizzarlo.

2 “Le 10 mappe che spiegano il mondo” di Tim Marshall (Garzanti, 2017 ma aggiornato in nuove ristampe più recenti). Geografia? Non solo: geopolitica, società, storia, sociologia sono i temi affrontati dal giornalista inglese, per trent’anni corrispondente estero della BBC e di Sky News. Anche qui lo stile è facile e immediato, e l’autore risponde a molte domande in parvenza semplici, in realtà complesse: Perché l’Europa fatica a essere davvero unita? Perché gli Stati Uniti erano destinati a diventare una superpotenza mondiale? Perché il potere della Cina continua ad aumentare? Politica, sì, ma non solo, alcuni di questi stati sono da sempre avvantaggiati (o svantaggiati) dalla geografia: catene montuose, fiumi, territori strategici, e tanto altro. Le risposte a queste domande, e a molte altre, risiedono nelle dieci mappe scelte per questo libro. Qui i tre buoni motivi per leggere “Le 10 mappe che spiegano il mondo”

3 “Q di Qomplotto” di Wu Ming 1 (Alegre, 2021). Wu Ming 1, al secolo Robero Bui, riesce in una delle cose più complicate che esistano: partendo dalla storia di QAnon (se non sapete cos’è potete approfondire qui) affronta questioni complesse ma senza mai banalizzare, e allo stesso tempo senza mai essere oscuro. “Q di Qomplotto”, cartografia della paranoia del nostro secolo, tiene insieme reportage e dialogo filosofico, analisi critica e racconto onirico, autobiografia e pastiche letterario, Wu Ming 1 sgombra il campo da concetti inutili o dannosi e riflette sul ruolo delle fantasie di complotto nelle nostre società. Soprattutto, partendo da QAnon, si arriva a leggende d’odio vecchie di secoli, un fenomeno sempre esistito. Qui cinque cose che si imparano leggendo “Q di Qomplotto”.

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

I film di culto...

Quentin Tarantino non è solo un grande regista, tra...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

La libertà sui pedali:...

La collana 'Dinamica' è uno dei fiori all'occhiello della...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...