Lo strano caso de “Il lungo addio” di Raymond Chandler: il capolavoro imperfetto

SUL LIBRO

Un romanzo stravagante dalla penna dello scrittore più amato e frainteso della letteratura poliziesca americana

Tempo di lettura: 2 minuti

“V’era un lungo capello nero su uno dei cuscini. V’era un grumo di piombo nel mi stomaco. I francesi hanno un modo di dire per situazioni del genere. Quei bastardi hanno un modo di dire per tutto, ed è sempre giusto. Dirsi addio è un po’ come morire”. Così pensava Philip Marlowe ne “Il lungo addio”, romanzo del 1953 che Adelphi ripropone in libreria (nella traduzione di Gianni Pannofino e con una bellissima copertina) nell’ambito di una ristampa delle opere di Raymond Chandler, forse lo scrittore più amato e frainteso della letteratura poliziesca americana.

Amato a ragione, perché i suoi romanzi, insieme a quelli di Dashiell Hammett, portarono il giallo nel XX Secolo, abbandonando le ormai asfittiche logiche alla Cluedo di Sir Arthur Conand Doyle, Agatha Christie e S. S. Vandine. Basta con gli enigmi della camera chiusa, con i fogli di carta bruciacchiati, le lenti di ingrandimento e le cellule grigie: il poliziesco era roba da piombo e sangue, per “uomini duri”. Per detective che sul grande schermo avrebbero avuto il volto di Humphrey Bogart o di Robert Mitchum. Frainteso perché nel suo ambizioso progetto di portare il giallo nella grande letteratura realistica, Chandler rimase sempre a metà del guado e “Il lungo addio”, forse il più grande successo, ne è la lampante dimostrazione.

“Il lungo addio” è un concentrato di tutto ciò che era Raymond Chandler. È un romanzo sull’amicizia tradita, su uno scrittore alcoolizzato, sul lato oscuro della California. Un romanzo dove Philip Marlowe si sublima nell’immagine dell’antieroe che conquistava i cuori dei personaggi femminili dei suoi romanzi e l’immaginario dei lettori, affascinati da questa figura capace di portare il romanticismo dentro un trench, una fondina, una sigaretta e uno sguardo dolente. Per questo è diventato un classico ed è un libro effettivamente notevole. Ma per apprezzarlo bisogna deporre la propria ragione e affidarsi al ritmo della narrazione senza porsi troppi problemi sulla coerenza e l’intelligibilità della trama.

“Il lungo addio” è un romanzo stravagante e, per molti aspetti, sconclusionato. L’intreccio è talmente incoerente che i colpi di scena e le soluzioni dei diversi delitti che il detective è chiamato a rivelare talmente acrobatiche, che si possono accettare solo a patto di non farsi molte domande. Non è un caso che a portare al cinema il libro fu un regista anomalo come Robert Altman, che scelse per la parte di Marlowe un improbabile ma azzeccatissimo e bravissimo Elliot Gould.

Il fatto che Adelphi, casa editrice “colta” – che già ripropone da anni la vastissima produzione giallistica e non di George Simenon – abbia scelto di riproporre Chandler, ci dice che l’autore è stato sicuramente capace di portare il giallo e sé stesso nel salotto buonissimo della letteratura mainstream, ma leggere oggi “Il lungo addio” vale la pena soprattutto se lo si legge come un grande romanzo sulla West Coast e quel mondo dalle mille contraddizioni che è Hollywood; come un grande romanzo sul ruolo dello scrittore nell’industria culturale di massa.

“Il lungo addio” è un romanzo struggente, senza il quale gente come Ellroy o Winslow non ci sarebbe mai stata, e anche i suoi difetti fanno parte del suo fascino. Del resto è quello che i lettori fanno spesso: sottoscrivere un patto con il diavolo della letteratura, dove l’importante è che funzioni.

“Milena Sutter” di Graziano...

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

Delitti da scartare sotto...

Dopo il grande interesse suscitato dai nostri consigli di...

La lunga estate gialla:...

L'estate non è solo tempo di ferie e relax:...

Quali sono le recensioni...

Diamo i numeri! No, non siamo impazziti, volevamo semplicemente...

Arriva la nostra rassegna estiva “Libri in piazzetta”

Ad Arenzano arriva una nuova rassegna letteraria per l'estate: si chiama "Libri in piazzetta" e sono sei appuntamenti con autrici e autori nella splendida...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

Libri da leggere nel 2023: 20 “must have” per affrontare l’anno nuovo

Se vi è piaciuta la nostra guida con i libri che abbiamo più amato nell'arco del 2022, eccoci qui alla classifica dei libri da...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “feel good” che ci fanno stare bene

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

“Bridgerton” (Netflix): la vita difficile degli sceneggiatori

Le serie tv che conquistano milioni di spettatori e spettatrici devono molta della loro fortuna al testo, all’intreccio, quindi il loro successo (o fallimento)...
Un romanzo stravagante dalla penna dello scrittore più amato e frainteso della letteratura poliziesca americanaLo strano caso de "Il lungo addio" di Raymond Chandler: il capolavoro imperfetto