“In compagnia del lupo” di Carlo Lucarelli: la verità (spesso oscura) dietro le fiabe

SUL LIBRO

Un'interessantissima indagine sui fatti storici dietro la trama delle favole più conosciute

Tempo di lettura: 2 minuti

Crediamo di conoscere bene le fiabe: chi non ha mai sentito la storia della Bella e la Bestia, o Peter Pan, Cappuccetto Rosso oppure ancora Hans e Gretel? Ma quelle che sono arrivate a noi sono davvero quelle della tradizione popolare?

Carlo Lucarelli, scrittore e conduttore tv famoso per occuparsi di misteri e noir, si è occupato del programma “In compagnia del lupo” per Sky Arte, che è diventato poi anche un podcast disponibile su Spotify e un libro edito da Tiwi, che indaga il lato oscuro delle fiabe ma anche la loro vera storia. Ho conosciuto il volume grazie al podcast che mi ha letteralmente conquistata mentre tornavo dalle vacanze estive, e non ho potuto fare a meno di comprarlo.

Quello che emerge sono tre validissimi motivi per rimanere incollati a questo bel libro ricco di illustrazioni:

1 Per rispondere alla domanda di prima, le fiabe che sono arrivate a noi non sono quelle della tradizione popolare: sono state modificate nel tempo, fortemente edulcorate seguendo la sensibilità del tempo, fino ad arrivare al “modello Disney”. Ma dietro a questi racconti (spesso molto più cruenti) ci sono spesso storie vere, ovviamente rielaborate in chiave fantasiosa. A volte una sola storia, a volte più vicende che il tempo e il passaparola popolare hanno riunito. E che è molto affascinante scoprire: sapevate, ad esempio, che la vicenda della Bella e la Bestia con tutta probabilità prende spunto dalla storia di una fanciulla data in sposa un uomo affetto da ipertricosi considerato poco più che un “selvaggio”? O che Barbablù era veramente esistito, e che non prendeva di mira le proprie mogli bensì i bambini? Persone con nome e cognome, la cui storia viene ricostruita e documentata.

2

Lucarelli ricostruisce bene le storie dietro le favole e i racconti più famosi attraverso fonti storiche e documenti, con un bel lavoro di ricerca: dietro ad alcune trame, si scopre, ci sono le stesse vicende personali che hanno segnato gli autori (è il caso di Andersen), oppure ci sono casi di cronaca mischiati alla fantasia, giunti fino a noi dopo aver subito influenze e modifiche. Quello che conta però è che ogni fiaba lascia intravedere la costruzione della società dell’epoca: l ruolo della donna, la caccia alle streghe, le usanze nelle corti europee. Testimonianze che è un peccato perdere.

3 Il libro, poco più di 100 pagine e ricco di illustrazioni (disegnate apposta per il libro ma anche testimonianze antiche), è facilmente leggibile e veloce da finire: un vero piacere adatto a tutti i tipi di lettori.

Ps. vi invito a seguire anche il podcast che parla di molte altre fiabe che nel libro non vengono menzionate! Alcune, come Biancaneve, Baba Yaga e Raperonzolo sono davvero interessanti!

 

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

I film di culto...

Quentin Tarantino non è solo un grande regista, tra...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

La libertà sui pedali:...

La collana 'Dinamica' è uno dei fiori all'occhiello della...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Blackwater” di Michael McDowell: il misterioso fascino di una saga di culto

Non è semplice scrivere di una serie letteraria su cui ormai si è versato molto inchiostro. Di certo i sei volumi che compongono la...

I detective del cibo e della memoria: “Le ricette perdute del ristorante Kamogawa” di Kashiwai Hisashi

I libri kawaii (il termine nipponico per dire grazioso/tenero/carino) stanno inondando gli scaffali delle librerie italiane. Molti di questi, poi, parlano di gatti o di...
Un'interessantissima indagine sui fatti storici dietro la trama delle favole più conosciute"In compagnia del lupo" di Carlo Lucarelli: la verità (spesso oscura) dietro le fiabe