Tre buoni motivi per leggere “Lani Na Bossentelé” di padre Nicolò Ellena

Tempo di lettura: 2 minuti

Com’è fatta e organizzata una Missione? Con quali sfide devono misurarsi i missionari ogni giorno, quali sono i problemi più comuni, quali le piccole conquiste, cosa fa sorridere e cosa fa commuovere le persone immerse in una quotidianità così lontana intesa come distanza ma anche come legge, usi e costumi?

Sono domande che spesso ci poniamo ma di rado troviamo una risposta, un quadro preciso. Sappiamo solo che ci sono Paesi in cui le condizioni di vita sono ancora disastrose, e che ci sono uomini e donne coraggiosi che partono da ogni parte del mondo – rischiando la loro stessa incolumità – per cercare di fare qualcosa per una popolazione altrimenti condannata a un futuro di guerra e miseria.

Ecco perché è utile leggere “Lani na Bossentelè” (che significa “C’era una volta a Bossentelé”) di padre Nicolò Ellena, edito nel 2020 dalle Missioni Carmelitane Liguri, un regalo che ho davvero apprezzato molto.

Ma andiamo dritti al punto, anzi… ai tre punti per cui vale la pena leggere questo libro:

1 Sono i diari di padre Nicolò, Carmelitano Scalzo, partito dalla Liguria nel 1971 per fondare, insieme ad altri confratelli, la prima missione dei Frati Carmelitani Scalzi Liguri in Repubblica Centrafricana, a Bossentelé. Una testimonianza molto rara e per questo preziosissima: padre Nicolò è mancato nel 2019, nei suoi diari sono racchiusi anni e anni di racconti che riguardano la missione, la vita quotidiana, la politica, la giustizia, la guerra, gli animali, la vita di famiglia, la stregoneria. Insomma un libro ricco di informazioni, aneddoti e curiosità di ogni tipo.

2 Si tratta di un racconto spontaneo, genuino e sincero, permeato da una punta di ironia, a volte impercettibile: padre Nicolò racconta le enormi differenze che ci sono tra la società da cui proviene lui e quella centrafricana, i gap culturali, le difficoltà iniziali (e non solo), l’arretratezza e le violenze in un Paese di cui forse troppo poco spesso sentiamo parlare, gli sforzi per migliorare presente e futuro soprattutto con cultura, istruzione e opere pubbliche.

3 Ammetto di aver scoperto un libro diverso da quel che credevo, e questo lo ha reso ancora più interessante: certo, c’è la religione, ma il racconto di padre Nicolò parla di mille altri argomenti, fa un quadro abbastanza preciso della vita in Centrafrica e delle sue evoluzioni, e “dipinge” con la penna tanti ritratti memorabili. Anche il suo: viene fuori l’autoritratto di una persona energica, pratica, a volte un po’ ruvida (non mancano le espressioni colorite) ma dal grande cuore, alle prese con le mille questioni della quotidianità, senza troppi fronzoli. D’altronde, soprattutto negli anni ’70 partire per il Centrafrica era veramente quel che si poteva dire un’avventura, bisognava essere molto pratici e arrangiarsi, cercando di tirarsi su le maniche per costruire un futuro migliore per la popolazione. Tanta, tanta ammirazione.

 

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

“La mia vita in...

I miei primi ricordi della celebre astrofisica Margherita Hack...

“Il ragazzo” di Annie...

Attirata dai racconti e dai romanzi brevi, ho acquistato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

Ecco i migliori 100 libri degli ultimi 25 anni secondo il New York Times

Un articolo senz'altro da non perdere per tutti i booklover è quello uscito sul New York Times che parla dei 100 migliori libri di...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Olimpiadi Parigi 2024: i libri da leggere per prepararsi alle gare più attese

Venerdì 26 luglio si terrà la cerimonia di apertura della 33esima Olimpiade di Parigi: per 17 giorni gli occhi del mondo saranno sulla Ville...

Tre buoni motivi per leggere “La verità sul caso Harry Quebert” di Joël Dicker

Colpi di scena e suspense in un libro in cui nulla è come sembra Questo è un altro di quei casi in cui ho visto...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Che meraviglia i libri con testo originale a fronte

I libri con testo originale a fronte possono rappresentare una meravigliosa indecisione: non sai mai se leggere la traduzione in italiano, per ovvi motivi,...

“Catene di Gloria” di Nana Kwame Adjei-Brenyah: una distopia che assomiglia, troppo, al presente

Finalista al 'National Book Awards' 2023 e presente in quasi tutte le classifiche dei migliori libri dell'anno negli USA, "Catene di Gloria" di Nana...

Caso Chiara Ferragni: 4 libri per capire cosa succede e analizzare il mondo degli influencer

Una premessa doverosa: non ci occupiamo di gossip, dunque quello che vi proponiamo non è un articolo che parla di pettegolezzi su Chiara Ferragni....