Tre buoni motivi per leggere “Il silenzio” di Don DeLillo

Tempo di lettura: 2 minuti

4 out of 5 stars (4 / 5)

Un flash: breve, geniale, inquietante. Ogni riferimento alla società della pandemia non è casuale


Quando ho letto la trama de  “Il silenzio” di Don DeLillo (Einaudi, 2021) ho deciso di iniziare a leggerlo e – come un magnete – non sono più riuscita a fermarmi. E dunque ecco tre motivi per leggerlo, ma prima, come sempre, la trama.

La trama de “Il silenzio” di Don DeLillo: Manhattan 2022, improvvisamente, per motivi sconosciuti, la tecnologia abbandona i nostri protagonisti. Niente più internet, niente più telefono, niente più tv (solo per fare tre esempi). Tutti gli schermi diventano improvvisamente neri. Cosa sarà successo? Una guerra? Un incidente? E come fare a sapere se è successo da altre parti del mondo, visto che il flusso costante di informazioni di tv e web è interrotto? In questo contesto si intrecciano le vicende di una coppia su un aereo costretto a un atterraggio di emergenza, e di alcuni loro amici che li aspettano per cena.

Ecco perché leggerlo:

1 Perché, anche se non è un libro per tutti, la scrittura ti conquista e, una volta iniziato, ti fai travolgere dalla curiosità e lo divori (anche perché è un flash di appena 103 pagine, capitoli brevi, buon ritmo). D’altronde DeLillo, come ricorda Einaudi in quarta di copertina, è considerato uno dei più grandi scrittori viventi.

2Avendo letto la trama, non è forse il libro che ci si aspetta (se non si conosce DeLillo): monologhi surreali, reazioni inverosimili, poca azione e molta introspezione. Ma d’altronde pensiamo bene al tema: una società frenetica, quasi alienata, improvvisamente in crisi, “bloccata” da un evento imprevisto e di portata enorme, persone spiazzate che non sanno come reagire, il disorientamento, la perdita di punti fissi. Anche se il libro è ambientato in un tempo immediatamente successivo alla pandemia, il riferimento al nostro presente è evidente. Sapremo risollevarci?

3 Questo romanzo breve ci fa porre alcune domande: come reagiremmo a un trauma così grande come l’abbandono della tecnologia, l’improvvisa assenza del flusso (a volte esagerato e incontenibile) di informazioni, tweet, post, e così via? Improvvisamente isolati, senza sapere cosa sta succedendo? Scenderemmo in strada, preoccupati, arrabbiati, o cercheremmo di mantenere invano il controllo, rinchiudendoci volontariamente nella nostra “tana”, in casa o in noi stessi? Rifletteremmo su noi stessi, su quel che ci circonda? Cercheremmo di rifugiarci in qualche punto di riferimento? Avremmo anche solo il coraggio di guardare dalla finestra, o preferiremmo cullarci nell’inquietante speranza che tutto si possa risolvere in fretta? (Anche qui troviamo tanto del nostro presente). E riusciremmo a riscoprire le cose che avevamo perso di vista quando tutto era più trafelato, abbandonato alla quotidianità?

Giornata della Donna: letture...

L'8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, è una data...

MasterChef e le storie...

Questa settimana si è conclusa la tredicesima edizione di...

Perché ci piacciono così...

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti,...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

“C’era una volta un...

Sotto l'albero di Natale quest'anno ho trovato "C'era una...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Gli uomini della bomba atomica e i loro demoni: “Manhattan Project” di Stefano Massini

Ha senso leggere i testi teatrali? In molti casi è un esercizio da studiosi e ricercatori, dal momento che sono scritti per essere recitati,...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...