Tre buoni motivi per leggere “Diario di un’apprendista astronauta” di Samantha Cristoforetti

Tempo di lettura: 2 minuti

5 out of 5 stars (5 / 5) La prima donna italiana negli equipaggi dell’Agenzia Spaziale Europea racconta la sua esperienza con semplicità, garbo e passione


La prima reazione, dopo aver finito “Diario di un’apprendista astronauta” di Samantha Cristoforetti (La Nave di Teseo, 2018), è stata: «Vorrei aver avuto una prof come lei». Perché per 537 pagine sono rimasta incollata al libro e non ho trovato un dettaglio che non sia stato spiegato bene e in modo semplice.

Nel libro, “AstroSamantha”, la prima donna italiana negli equipaggi dell’Agenzia Spaziale Europea, racconta la storia della sua avventura nello spazio: dall’opportunità di diventare astronauta all’addestramento, alle curiosità, al viaggio che l’ha portata alla Stazione Spaziale Internazionale tra il 2014 e il 2015.

Ecco tre buoni motivi per leggerlo:

1 Perché lei è davvero brava a spiegare anche le cose meno semplici (io non sono un ingegnere, tutt’altro), aiutandosi con illustrazioni e con uno stile divulgativo che lascia trasparire la sua grande passione, la gioia nell’aver realizzato uno dei sogni più grandi della sua vita (lei era letteralmente entusiasta e felice, io sarei stata entusiasta e terrorizzata) e la voglia di trasmettere le sue sensazioni. Il libro ha anche alcune parti più “tecniche” che sono contrassegnate con un simbolo e che, se si ha fretta, si possono saltare, ma personalmente non le ho trovate per nulla difficili, anzi, erano piacevoli come il resto della lettura.

2 Perché il suo entusiasmo è contagioso. Non importa se era mezzanotte, non importa se ero stanca: nel momento in cui ho letto il capitolo della sua partenza per la Stazione Spaziale Internazionale (si beh, non credo sia uno spoiler) sono rimasta letteralmente incollata al libro a “tifare” come una ragazzina.

3 Perché, ultimo ma non ultimo, AstroSamantha ci dà l’opportunità di osservare da vicino la vita di un’astronauta, anche in particolari che non siamo abituati a vedere nei servizi dei telegiornali: la dura preparazione, l’addestramento, gli esami. Ma anche le curiosità a cui forse non avevamo mai pensato: dai riti prima della partenza ai legami di amicizia tra compagni di missione, dai luoghi degli addestramenti al “menu” sulla ISS, dall’assemblamento delle varie tute agli esercizi. Fino all’utilizzo degli oggetti in assenza di gravità (come funziona la toilette sulla Stazione Spaziale Internazionale? Come si fa a fare la doccia? E come si beve il caffè? E come si può utilizzare un attrezzo per fare ginnastica se nel frattempo si “fluttua” via?).

 

“La mia vita in...

I miei primi ricordi della celebre astrofisica Margherita Hack...

“Il ragazzo” di Annie...

Attirata dai racconti e dai romanzi brevi, ho acquistato...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di...

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

“Trovati un lavoro e...

L'asterisco avverte subito: il titolo non è altro che...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Gialli che passione: 5 libri con cui iniziare il 2023

Ho una tradizione: il primo libro che leggo all'inizio dell'anno è sempre un giallo. E se negli ultimi tempi la scelta era stata quasi...