Sul libro

Divertente saggio in cui tutti gli amanti dei libri possono riconoscersi

Tre buoni motivi per leggere “Tipi da libreria” di Shaun Bythell

Tempo di lettura: 1 minuto

Recensisco, un po’ in ritardo, il primo libro che ho iniziato a leggere quest’anno: volevo che a inaugurare il 2022 fosse qualcosa di leggero ma non superficiale, qualcosa che riguardasse i miei interessi e che avesse anche una vena ironica, come piace a me. Quel qualcosa l’ho trovato in “Tipi da libreria” di Shaun Bythell (Vallardi, 2021), ed ecco tre buoni motivi per leggerlo:

1 È molto realistico in quanto si tratta di un breve saggio (poco più di 120 pagine) che descrive tutti i personaggi che l’autore – proprietario della libreria dell’usato “The Book Shop” di Wigtown, Scozia – normalmente incontra. Una vera e propria piccola enciclopedia degli appassionati di libri.

2È divertente e sicuramente nell’elenco il lettore potrà ritrovare se stesso. O almeno qualcuno che certamente conosce. D’altronde, tra complottisti, piccoli bibliofili, traslocatori, pensionati barbuti, ‘esperti’, personaggi curiosi e rompiscatole che attentano alla tranquillità del libraio con le loro richieste bizzarre, ce n’è proprio per tutti.

3 È bello che l’autore – pur non risparmiando nessuno con una certa ironia caustica – lasci trapelare comunque anche molto affetto nei confronti di tutti coloro che, con le loro manie, vizi e virtù, fanno parte del variegato mondo degli “Homo legens”, proprio come lui. E come noi. Un piccolo mondo strambo in via di estinzione, e dunque da proteggere. L’autore stesso parla dei suoi clienti come di «sciagurate creature» per poi dire che in quel preciso momento, durante il lockdown, «mi mancano come vecchi amici».

Divertente saggio in cui tutti gli amanti dei libri possono riconoscersiTre buoni motivi per leggere "Tipi da libreria" di Shaun Bythell