Manga all’italiana: l’esperimento di Einaudi con “Zeroventi”

SUL LIBRO

Una storia divertente e leggera per un fumetto in stile giapponese uscito dalla matita di artisti italiani: così Einaudi inaugura l'esperimento della collana dedicata ai manga

Tempo di lettura: 2 minuti

Iniziamo il 2024 non proprio nel migliore dei modi, con una brutta influenza gastrointestinale che ci ha costretti al riposo forzato per giorni. Ma se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno, ci ha lasciato un bel po’ di tempo a disposizione per leggere. E infatti stiamo già preparando una serie di recensioni.

La prima dell’anno riguarda il primo volume della collana “Stile Libero Manga” di Einaudi, il nuovissimo “Zeroventi” di Matteo Bussola ed Emilio Pilliu (2023). Nonostante uno dei primi fumetti che io abbia letto in vita mia, da piccola e in compagnia della nonna, sia stato proprio giapponese – l’amatissimo “Candy Candy” – devo dire che non sono stata una grande lettrice di manga nella mia vita finora: non mi piace il fatto di non trovare una grande varietà di titoli, seppure il genere stia conquistando più spazio soprattutto ultimamente. E poi non mi piace il fatto che, per iniziare le saghe più lunghe, sia un po’ più complicato trovare i primi numeri.

In ogni caso, questi sono criteri totalmente personali.

“Zeroventi”: perché leggere questo “manga all’italiana”

Tornando a “Zeroventi”, il primo (e per ora unico) volume “Nadine e Davide” si legge in una serata. Siccome è una mini-lettura, ecco una mini-recensione. Come premessa dico che sarà interessante vedere se questo esperimento proseguirà, e come.

1 Che strano (e bello) un manga ambientato in Italia! È la prima cosa che ho pensato leggendolo. Già, per tutti coloro che sono abituati ai fumetti (e ai relativi cartoni) giapponesi che ci hanno fatto sognare e avvicinare al Giappone, un manga ambientato a Venezia e con protagonisti italiani, che pensano e agiscono come noi, seguendo codici di comportamento del tutto “occidentali”, è quantomeno strano. Ma è molto bello vedere artisti italiani alle prese con questo genere!

2 È una commedia sentimentale, direi a cavallo tra lo shojo (per ragazze) e lo josei (per donne). Il titolo nasconde il significato della collana di cui abbiamo, per ora, l’unico capitolo di Nadine e Davide: “Zeroventi” indica il tempo di 0,20 secondi che, secondo la scienza, impieghiamo per innamorarci di qualcuno. E infatti è una storia romantica, l’incontro tra due anime ferite che si conoscono per caso: lui in fuga da una verità troppo dolorosa da confessare ai genitori, lei da una storia d’amore sbagliata, e… ma non vi spoilero oltre. La storia è divertente e leggera, certo non dovete aspettarvi troppe giravolte: sono 152 pagine disegnate, non c’è lo spazio per raccontare vicende troppo complesse!

3Il manga è scritto e disegnato da due ottime firme, quella di Matteo Bussola che ha disegnato per tutte le principali case editrici italiane ed estere di fumetti e ha scritto best seller per Einaudi come “Notti in bianco, baci a colazione” e di Emilio Pilliu disegnatore e illustratore che collabora con numerosi editori italiani e americani.

Lunedì 27 maggio: presentazione...

Un altro appuntamento con i libri! Lunedì alle 18 a...

Perché “Mein Kampf –...

Come è possibile che un uomo, giorni fa, abbia...

Vi aspettiamo alla BookWeek...

Anche Tre Buoni Motivi per Leggere sarà presente alla...

“Poverina” di Chiara Galeazzi:...

Si può parlare in maniera brillante e ironica di...

Un capolavoro working class:...

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti...

I sentieri del caso...

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...

“Fuoco e sangue” e “House of the Dragon”: 8 grandi differenze tra libro e serie tv

Mai una gioia, per i fan del Trono di Spade: "Fuoco e sangue", il libro di George R. R. Martin dedicato alla storia della...

Corea del Sud: l’ultimo libro di “The Passenger” per scoprire cosa c’è dietro il boom

Uno dei fenomeni del momento - come abbiamo già avuto modo di scrivere - sembra essere la Corea del Sud. L'onda coreana chiamata "Hallyu"...

Un capolavoro working class: “Come ho ucciso Margaret Thatcher” di Anthony Cartwright

Dello scrittore inglese Anthony Cartwright avevo già letto tutti i libri pubblicati in italiano dalla casa editrice 66thand2nd, dallo splendido "Heartland", che considero uno...

I sentieri del caso nella notte di Tokyo: “Buonanotte Tokyo” di Yoshida Atsushiro

Yoshida Atsushiro è uno scrittore nato nel 1962, molto prolifico e già tradotto in francese e in tedesco, ma solo in questo 2024 arriva...

“Milena Sutter” di Graziano Cetara: il libro-inchiesta sul delitto che sconvolse l’italia

"Milena Sutter? Certo, mi ricordo il caso, quello del biondino della spider rossa!": così mi aveva risposto, qualche settimana fa, mio zio piemontese alla...

Tre buoni motivi per leggere “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald

Un capolavoro, sempre attuale, scritto benissimo Ho letto di recente "Il grande Gatsby" scritto nel 1925 da Francis Scott Fitzgerald, nella versione edita da Feltrinelli...

“Le bambine non esistono” di Ukmina Manoori: l’Afghanistan e quelle bimbe vestite da maschi per sopravvivere

"Le bambine non esistono": parola di Ukmina Manoori, donna afghana che ha deciso di raccontare la sua storia molto particolare in un libro curato...
Una storia divertente e leggera per un fumetto in stile giapponese uscito dalla matita di artisti italiani: così Einaudi inaugura l'esperimento della collana dedicata ai mangaManga all'italiana: l'esperimento di Einaudi con "Zeroventi"