Aldo Moro: il fantasma dell’Italia Repubblicana in tre libri

Tempo di lettura: 2 minuti

In questi giorni sta avendo grande attenzione e sta suscitando molte polemiche la mini serie della Rai “Esterno notte”, in cui il regista Marco Bellocchio racconta i 55 giorni del rapimento di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse, iniziati con la strage della scorta del Presidente democristiano in Via Fani e conclusi dalla tragica uccisione del prigioniero.

Nella rappresentazione cinematografica il sequestro viene vissuta e rivissuto da diversi punti di vista – Moro, l’allora Ministro degli Interni Francesco Cossiga, il Papa, i brigatisti – installando sui fatti storici l’immaginario narrativo. L’obiettivo è quello di restituire l’atmosfera e lo spirito dell’Italia di quel tempo, attraverso una vicenda che ha rappresentato senza dubbio una svolta per l’Italia Repubblicana.

Tutti coloro che erano adulti in quell’epoca si ricordano dove fossero quando ricevettero la notizia di un rapimento da cui sono scaturite non solo importanti conseguenza storiche oggettive per la vita politica, ma anche sotto trame, interpretazioni, teorie, ossessioni. L’opera di Bellocchio, che ha suscitato i giudizi contrastanti sia dal punto di vista artistico che da quello storiografico, è la dimostrazione che, in quei 55, giorni la democrazia italiana e la sua classe dirigente vennero messe di fronte alle loro contraddizioni, alle loro fragilità, ai loro segreti, alle loro nevrosi collettive. Il 9 maggio, con il ritrovamento del cadavere di Moro in una Renault 4, iniziò di fatto il passaggio dagli anni ’70 agli anni ’80 costringendo tutti a un confronto anche di narrazioni che continua ancora oggi.

Dei molti libri che parlano di quella primavera del 1978 ne abbiamo scelti tre.

1“L’affaire Moro”, di Leonardo Sciascia (Adelphi). Scritto a caldo, nel 1978, è un libro illuminante e paradossale. Lo scrittore siciliano scrive infatti un’opera che mette alla prova le strutture narrative a lui care del giallo letterario (“Il giorno della civetta” o, soprattutto, “Il contesto”) con un fatto vero. A indagare è direttamente l’autore e le sue prove sono le lettere che Moro scrisse da carcere delle BR per chiedere di essere salvato e che furono al centro del confronto tra i sostenitori della linea della fermezza (nessuna trattativa coi brigatisti) e coloro che volevano trattare (posizione che era anche di Sciascia). Una vera e propria inchiesta letteraria sulla politica italiana cove, come nell’opera di Bellocchio, realtà e immaginario si incontrano e a volte confondono ma con un rigore e un controllo che ancora oggi rendono quest’opera un classico della nostra letteratura.

2“Messaggi di sangue”, di David Forgacs (Laterza): in questo saggio molto ben scritto e basato sull’analisi di fonti fotografiche e iconografiche, lo storico inglese David Forgacs indaga, attraverso episodi che vanno dal Risorgimento ai giorni nostri, i motivi per cui l’Itala ha l’oscuro primato occidentale non solo della violenza politica, ma della violenza dello Stato contro i suoi cittadini. Nel capitolo dedicato agli anni di piombo si parla anche del rapimento Moro, ma il volume è prezioso proprio perché chiarisce come il ’78 non sia stato un anno eccezionale, ma il prodotto di una strutturale anomalia del nostro sistema democratico.

3“Ufo 78”, Wu Ming (Einaudi): se Bellocchio e Sciascia hanno usato la realtà per ispirare una narrazione, il collettivo di scrittura Wu Ming usa la fantasia per rendere la realtà. In questo finto romanzo storico che deve molto a Umberto Eco, il rapimento Moro si intreccia alla scomparsa di due scout sui monti di Massa Carrara nel 1976 e alle vicende di strampalati gruppi di ufologi. Del resto, in una delle prime scene del film di Bellocchio, una radio dà notizia degli avvistamenti alieni di Alberto Moravia… Un romanzo avvincente e densissimo, che oltre a rendere benissimo gli anni ’70 – la controcultura e la politica, ma anche l’eroina e il disimpegno alle porte – si muove in quella zona tra complotto e paranoia che proprio da allora inizia a diffondersi per dilagare oggi. Quando leggiamo “Ufo 78”, dobbiamo sapere che parla di noi, proprio come il sequestro Moro.

Tutti i segreti del...

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh...

Perché “Dolore e furore....

La lettura di “Dolore e furore. Una storia delle...

I film di culto...

Quentin Tarantino non è solo un grande regista, tra...

Libri da leggere nel...

Se vi sono piaciute le nostre guide con i...

Le recensioni più lette...

Cari amici, come al solito eccoci alla fine di...

La libertà sui pedali:...

La collana 'Dinamica' è uno dei fiori all'occhiello della...

Perché ci piacciono così tanto i libri giapponesi “che fanno stare bene”

di Valentina Bocchino e Simone Farello Se siete lettori attenti, scommettiamo che avete fatto caso al vero e proprio boom di libri "rassicuranti", spesso giapponesi,...

Libri da leggere nel 2024: i nuovi “must have” per affrontare l’anno

Se vi sono piaciute le nostre guide con i libri che abbiamo più amato nell’arco del 2023 e la classifica delle recensioni più lette...

Il grande successo della serie tv “Mare Fuori”: 3 libri da leggere sull’argomento

C'è una serie tv italiana che in questo momento sta facendo parlare adulti e giovanissimi, prodotta da Rai Fiction, celebrata al recente Festival di...

“L’ultimo uomo bianco” di Mohsin Hamid: e se un giorno gli uomini si risvegliassero tutti neri?

Con "L'ultimo uomo bianco" (Einaudi, 2023, nella pregevole traduzione di Norman Gobetti), lo scrittore pakistano Mohsin Hamid chiude un trittico iniziato con "Il fondamentalista...

Tutti i segreti del Made in Japan: “POP. Come la cultura giapponese ha conquistato il mondo” di Matt Ald

Siete cresciuti a pane e Robottoni? Amate Van Gogh e gli Impressionisti? La vostra vita è cambiata con il walkman? Non riuscivate a staccarvi...

Tre buoni motivi per leggere “Le città invisibili” di Italo Calvino

Vi è mai capitato di leggere da giovani libri (perché costretti) che avete odiato, riscoprendoli e adorandoli più avanti? A me è successo con...

ANTEPRIMA | “Psicopompo” di Amélie Nothomb: lo stupro e le ali della scrittura che l’hanno salvata

Durante le nostre ultime vacanze in Francia non ho saputo resistere e ho comprato l'ultimo libro di Amélie Nothomb, "Psychopompe" (Albin Michel, 2023), non...

Resistere a un mondo cannibale: “La vegetariana” di Han Kang

La sudcoreana Han Kang è un'indiscussa protagonista della letteratura contemporanea e molto del suo successo lo deve a "La vegetariana" (Adelphi, 2016 nella efficacissima...

“Dieci cose che ho imparato”: il testamento di Piero Angela in 150 pagine

È difficile parlare di Piero Angela dopo che è stato scritto di tutto e di più. Dopo il dolore di aver perso una persona...